Storie ritrose
Leave a comment

Allu vientu

T’aggia ddiri to cosi.

Una è che no t’ha pinsari
ca sulu pircè si ttui
— ca li cristiani si sconduno
quando ti asi
e spettunu citti citti, muzzi
fino a quando ti gira
e ti dicidi cu tti plachi —
no t’ha pinsari
ca allora io abbascio la capu.
Anzi.

Paura no’ mmi ndi pigghiu.
E no’ mmi ndi pigghiu
né osci, né mai.
Aggiu dittu mai.

E l’atra cosa
è che la capu
l’ha bbasciari tui.
Perché quiddu c’aggiu ‘mparatu
cu sti capiddi bianchi
è che la terra è fatica,
ma lu mari eti battaglia.
E ci no sso’ io ca mi piego
quarchedun’atro l’ava ffari.
E st’atro si ttui.
Mo’ lu sai.

Perciò, cumpa’,
rricorditi di mei
ca ci mi pigghi di ponta
no’ ssacciu comu ti vai.
Vidi c’ha ffari.

 

 

Facebooktwitterpinteresttumblr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.