Storie ritrose
Leave a comment

Mari, mari mia

mare, mare mio

Mari
Mari mia
ca mi sfriculi li pinsieri
mi mbischi lu sangu
mi pigghi lu fiato
mi rivoti li ‘ntrami
e poi
poi mi lassi cussì
comu na fessa ca nci veni ti chiangiri
e no’ ssapi pirceni.

Ca po’ lu sacciu
e lu sai puru tui
Ca quando appartieni
appartieni e basta
e no’ nci stannu santi
puru ca ti ndi vai
quiddu ti ripigghia
e an facci ti lu dici:
cce t’ha misa an capu?
Quando appartieni
appartieni e basta.

mare, mare mio

Facebooktwitterpinteresttumblr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.